top of page

SPAZI PER DONARSI /1

Nelle riflessioni delle scorse settimane, ho cercato di farvi arrivare, nel concreto della nostra comunità, il desiderio espresso nella frase di don Antonio che, da anni, cesella il nostro periodico:


Beata quella parrocchia dove non pochi fanno tutto ma tutti fanno qualcosa per il bene di tutti.

Vediamo perciò di aprire, a partire da questa settimana, alcuni spazi della nostra parrocchia in cui è possibile rendere concreto l’evangelico donarsi per il bene di tutti. Quello che per primo vorrei aprire e conoscere con voi è lo spazio della carità che da un decennio, anche nella nostra parrocchia, prende il nome di Caritas parrocchiale.


Il servizio di un buon numero di volontari si esprime prima di tutto nel Centro d’ascolto, con la raccolta delle informazioni necessarie per potersi prendere carico della povertà e delle necessità presenti nel nostro quartiere. Per chi dedica il suo tempo nell’ascolto delle storie e delle richieste di chi, vincendo diffidenza e paura, si rivolge alla parrocchia per un aiuto concreto, l’esperienza condivisa è sempre quella di farsi umilmente carico di problematiche e necessità decisamente più grandi delle nostre possibilità, ma affrontate con disponibilità e creatività. Ascoltare, prendere contatti, ipotizzare e percorrere soluzioni, con tanta speranza e realismo.

Accanto al prezioso servizio dell’ascolto, la Caritas parrocchiale si fa prossima al quartiere, e non solo, attraverso il magazzino di raccolta e di consegna di indumenti, scarpe, cibo e quanto possa servire alle esigenze delle famiglie del quartiere e dei tanti migranti provenienti da diversi centri dell’hinterland (nella foto a lato i volontari in un raro momento di sosta). Un servizio reso possibile da un bel gruppo di volontari che, recuperando energie da chissà dove, spostano scatoloni, accolgono coloro che portano le buste con la roba da donare e si fanno vicini a chi, invece, porta la sua dignitosa storia di sofferenza e di povertà e vorrebbe portare a casa, sempre che ce l’abbia, un bel sorriso e un po' di sincera comprensione, insieme ad una busta di vestiti, scarpe e all’occorrenza cibo per qualche giorno.


I volontari della Caritas, periodicamente, fanno dei percorsi di formazione perché il loro servizio sia davvero colmo dell’amore di Cristo e della gratuità che caratterizza la fede. Pur consapevoli dei limiti, delle stanchezze e delle reazioni che alcune volte accompagnano anche le pretese o le rimostranze di chi bussa a chiedere aiuto. Ma è messo in conto anche questo! A breve ci sarà un nuovo percorso formativo per la Caritas parrocchiale: una buona occasione per accogliere nuovi volontari e nuove energie.


Se stai leggendo queste righe e pensi che le tue giornate siano troppo “in pantofola” e sei troppo preoccupato/a solo ed esclusivamente di ciò che si vive nelle tue quattro mura di casa, che ne dici di donarti e donare un po' del tuo tempo come volontario e volontaria della Caritas parrocchiale?







Scarica il file completo

40-2023
.pdf
Download PDF • 408KB

Comments


bottom of page