CI RIGUARDA, DA VICINO /2

Anche questa settimana desidero che a parlare sia il racconto dell’immane tragedia che sta vivendo l’Ucraina e che, attraverso le persone scappate, giunge anche fisicamente nelle nostre case, anche nella nostra casa parrocchiale. Oggi a raccontarci del suo dramma sarà Irina con i loro due figli, Violeta e Makar: da giugno condividono le stanze del piano superiore della casa canonica con Anna e i suoi figli. Lascio, allora, che a parlare siano le voci di chi è dovuto scappare dall’Ucraina e ha trovato tra noi, nella nostra parrocchia, un semplice rifugio, un briciolo di speranza tra tanta preoccupazione e angoscia.


Mi chiamo Irina e oggi voglio condividere l'orrore che sta accadendo nel mio Paese, l'Ucraina. Non ne posso più! Vivevamo in una piccola città accogliente chiamata Izyum, nella regione di Kharkov. Il primo missile è stato lanciato contro la nostra città nel cuore della notte a febbraio. La sensazione che ho provato in quel momento è indescrivibile: il rombo dell'aereo, il fischio, l'esplosione. L'orrore e la paura per i miei figli, per la mia famiglia e i miei amici, per il mio Paese, hanno scosso tutto il mio corpo. La parola "guerra" mi rimbombava in testa e mi trafiggeva il cuore: non "operazioni speciali", non "protezione", non "liberazione" come dicono i media russi. È un'invasione nella terra di qualcun altro, è case distrutte, è vittime, morte, vite spezzate, vite di persone. È una guerra. È il dolore. Nel seminterrato sotto la nostra casa abbiamo vissuto fino a quando non siamo riusciti a fuggire dalla città, tra un attacco di razzi e l'altro. Per diversi mesi io, i miei figli e mio padre ci siamo nascosti dalle bombe, dalle granate, dai razzi e dai proiettili nei villaggi dove la situazione era più tranquilla. Ma le incessanti incursioni aeree e le esplosioni nelle vicinanze spaventavano i bambini, e vivevamo in una costante paura e tensione. Non poteva andare avanti così e ho deciso di portare i bambini in un luogo sicuro. Una mia amica vive in Sardegna e non poteva rimanere indifferente a quanto stava accadendo. Ci ha invitato a casa sua. Successivamente, abbiamo avuto la fortuna di incontrare don Emanuele e la vostra parrocchia. Da otto mesi il mio Paese è in guerra. Sono qui in Italia, tra la brava gente. E sono grato a tutti per l'aiuto e il sostegno che mi stanno dando. Ho imparato ad apprezzare ogni nuovo giorno, sono diventata più forte. Ma il mio cuore continua a soffrire per l'Ucraina. La città in cui vivevamo è quasi completamente distrutta. A settembre è stata liberata dai soldati ucraini dall'occupazione russa. In città non ci sono comunicazioni nè luce, gas, acqua. La gente sopravvive come può. Cucinano il cibo sul fuoco. Ora gli aiuti umanitari stanno arrivando in città, cosa che prima era impossibile a causa dei continui bombardamenti. A volte appare una connessione telefonica mobile e la gente può sentire i propri parenti. Mio cugino mi dice che da una città bella e vivace si è trasformata in rovine. Per le strade non c'è quasi nessuno, ma quelli che si vedono sono magri e con la faccia grigia, ma sono felici perché la città è stata liberata dagli invasori.

La casa di mia sorella era sopravvissuta, ma un missile aveva colpito la finestra con una grossa scheggia, e fortunatamente la sua famiglia non era nell'appartamento. Mio fratello vive nella città di Kharkov. La città è ancora sottoposta a continui bombardamenti. Mio fratello ha lavorato tutto questo tempo per fare del bene alle persone. Ma deve passare la maggior parte del tempo nascosto. Più di una volta si è trovato sotto tiro. Durante un attacco aereo con missili provenienti dall'onda d'urto, ha riportato ferite e commozione cerebrale. Anche mio padre è rimasto in Ucraina. È la sua patria, la sua casa, la sua vita e non è facile per lui lasciare il Paese. Ora è costretto a spostarsi da una città all'altra e a cercare un riparo con l’aiuto dei volontari. Ma questo è pericoloso, perché un missile potrebbe prima o poi essere lanciato in qualsiasi città. Ci sono droni kamikaze che volano in tutto il Paese, cadono a terra ed esplodono. Sono molto preoccupata per mio padre. So che vuole tornare a casa a Izyum. Ma capisco che non può farlo. Non è il momento giusto, è troppo presto. Non è sicuro. In città, i corpi dei civili morti vengono sepolti proprio nelle aree dei parchi cittadini, tra un bombardamento e l'altro. C'è il rischio di calpestare una mina. L'inverno è alle porte, ma non ci sarà il riscaldamento. E se il Paese terrorista continua a bombardare e a distruggere le centrali elettriche, la popolazione dell'intero Paese sopravviverà in condizioni difficilissime, catastrofiche, non tipiche del mondo civilizzato. Mi manca la mia famiglia. Voglio che mio padre sia presente per me. Dopo tutto, il tempo non si ferma. La situazione nel Paese è disastrosa e nessuno è fiducioso per il domani. I nostri figli conoscono il sapore del dolore. Ma sopravvivremo, resisteremo, costruiremo. Siamo uniti. Siamo ucraini! E vinceremo!


Senza altre parole!







Scarica il file completo

43-2022
.pdf
Download PDF • 3.23MB